RSU Corsico vetro
CGIL-Filcem     CISL-Femca     UIL-Uilcem     
Notizia: SMF - Appena installato!
 
*
Benvenuto! Accedi o registrati. 17 Aprile 2014, 08:51:07


Accesso con nome utente, password e durata della sessione


Benvenuto! Accedi o registrati.
17 Aprile 2014, 08:51:07

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Permissions

Click!

News Politica
Notizie Flash
Sindacale
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Rimborsi INAIL in caso di infortuni sul lavoro  (Letto 102385 volte)
0 utenti e 2 Utenti non registrati stanno visualizzando questa discussione.
Peppe189
Amministratore
Nuovo arrivato
*****
Sesso: Maschio
Messaggi: 35



« inserita:: 04 Febbraio 2008, 09:33:18 »

Segnalo la normativa vigente in termini di rimborso INAIL in caso di infortunio sul lavoro:

Le prestazioni economiche vengono erogate dall’INAIL.
Il lavoratore infortunato o affetto da malattia professionale e, per essi, impossibilitato al lavoro, riceve alcune prestazioni dal datore di lavoro ed altre dall’INAIL.
 
Il datore di lavoro versa:
•   l’intera retribuzione per il giorno in cui si è verificato l’infortunio o si è manifestata la malattia professionale;
•   il 60% della retribuzione per i tre giorni successivi, salvo le condizioni di miglior favore fissate dai contratti collettivi;
•   l’eventuale integrazione dell’indennità temporanea erogata dall’INAIL per raggiungere il 100% della retribuzione giornaliera.

L’INAIL eroga:
•    l'indennità temporanea, a partire dal quarto giorno successivo a quello in cui si è verificato l’infortunio o si è manifestata la malattia professionale, essa è pari al 60% della retribuzione media giornaliera per i primi 90 giorni di inabilità e al 75% della stessa dal 91° giorno in poi.
L’indennità temporanea viene erogata fino a quando il lavoratore non è in grado di riprendere il lavoro e viene corrisposta, nei casi di lunga durata, in rate posticipate di non oltre sette giorni. Il saldo non deve essere erogato oltre il ventesimo giorno dalla data dell’infortunio o della cessazione dell’indennità temporanea.
Il lavoratore ha diritto all’indennità temporanea anche in caso di inabilità assoluta conseguente a ricaduta.
Numerosi contratti collettivi prevedono che il pagamento dell’indennità temporanea sia fatto direttamente dall’azienda che sarà successivamente rimborsata dall’INAIL.
Registrato
Paolo
FILCEM - CGIL
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 9


« Risposta #1 inserita:: 04 Marzo 2008, 13:50:23 »

Ciao Peppe, se ho capito bene non prenderò il 100% dello stipendio.
Registrato
Peppe189
Amministratore
Nuovo arrivato
*****
Sesso: Maschio
Messaggi: 35



« Risposta #2 inserita:: 04 Marzo 2008, 17:00:08 »

Il contratto del vetro è uno di quelli che prevede l'anticipazione dell'azienda della completa retribuzione globale, chiaramente per una durata variabile di mesi a seconda dell'anzianità di servizio. Con 6 anni di anzianità, l'azienda anticipa completamente la retribuzione globale per 6 mesi, salvo poi conguagliare l'INAIL stessa al lavoratore somme eccedenti dovute.

Vai tranquillo che lo stipendio lo porti a casa tutto!!

Per riferimenti. vedere l'articolo 53 del nostro contratto, nei commi dove si parla di trattamento economico
Registrato
Paolo
FILCEM - CGIL
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 9


« Risposta #3 inserita:: 05 Marzo 2008, 10:29:59 »

ok mo si che ho capito.
vedi che a qualcosa servono i sindacalisti. Ghigno Ghigno Ghigno Ghigno Ghigno
Registrato
valeboschetti
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 1


« Risposta #4 inserita:: 27 Ottobre 2009, 20:13:14 »

Ciao a tutti!!!
Solo un'informazione...Ho subito un infortunio sul lavoro e sono stata ferma 21 giorni...Per il contratto del commercio non è previsto nessun rimborso (a parte quello per le visite) da parte dell'inail??? Ho ricevuto una lettera da loro dove non è chiaro se riceverò dei soldi per indennità e rimborso spese o se quei soldi verrano versati al mio datore di lavoro che li ha anticipati per me...
Grazie
Registrato
Peppe189
Amministratore
Nuovo arrivato
*****
Sesso: Maschio
Messaggi: 35



« Risposta #5 inserita:: 30 Ottobre 2009, 10:12:03 »

TRATTAMENTO ECONOMICO (VALIDO IN LINEA GENERALE - SALVO MODIFICAZIONI DEI CONTRATTI NAZIONALI):

-   dal 4° al 90° giorno è previsto il 100% di retribuzione, di cui il 60% a carico INAIL e il 40% a carico dell’azienda;

-   dal 91° giorno fino alla guarigione clinica, spetta il 75% a carico INAIL e il 25% a carico dell’azienda (salvo diverse disposizioni dei contratti di lavoro).


Nei 10 anni successivi all’evento di infortunio, c’è la possibilità di usufruire di particolari erogazioni INAIL:
-   Esenzione tickets per l’evento subito
-   Pagamento retribuzione 100% per l’intero periodo in caso di ricaduta per riacutizzazione
-   Liquidazione di una rendita in caso di riconoscimenti postumi permanenti
-   Cure riabilitative climatiche e termali
-   Protesi
Se c’è stato anche DANNO BIOLOGICO, Inail lo risarcisce.



Il Contratto commercio modifica in parte quanto detto, per quanto riguarda i giorni successivi al terzo, e aggiunge i giorni precedenti al 4° - che sono a carico dell’azienda (riporto l’articolo – Art 170)

-   A  decorrere  dal primo giorno successivo a quello dell'infortunio,  verrà
   corrisposta  dal  datore di lavoro al lavoratore non apprendista,  assente
   per  inabilità temporanea assoluta derivante da infortunio sul lavoro, una
   integrazione  dell'indennità  corrisposta dall'INAIL  fino  a  raggiungere
   complessivamente le seguenti misure:

   1) 60% (sessanta per cento) per i primi tre giorni (periodo di carenza);
   2) 90% (novanta per cento), per i giorni dal 5° al 20°;
   3)  100%  (cento per cento) per i giorni dal 21° in poi della retribuzione
   giornaliera  netta  cui il lavoratore avrebbe avuto  diritto  in  caso  di
normale  svolgimento del rapporto.




Registrato
gioiabella
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 5


« Risposta #6 inserita:: 12 Novembre 2009, 11:20:07 »

mi spiace ma non so ancora usare il forum.. ho sbagliato nell'inviare il mio messaggio
che invece è il seguente:
alcuni anni fa ho subito in infortunio e sono rimasta lontano dal lavoro per quattro mesi. L'azienda mi ha anticipato le mensilità ma quando ho ricevuto da parte dell'INAIL il documento recante gli importi che avrei dovuto percepire sono sobbalzata dalla sedia! gli importi erano diversi.. ho chiesto spiegazioni all'ufficio del personale dell'azienda e, dopo essersi stupiti del fatto che ero in possesso di questi "valori", mi è stato risposto che comunque ero stata regolarmente retribuita! Ora mi chiedo se questo errore sia imputabile all'azienda, e quindi devo chiedere la restituzione della somma non corrisposta, o se è prassi di tutte le aziende anticipare le mensilità senza riconoscere le differenze. Prima d'intraprendere una vertenza sindacale vorrei sapere da voi cosa ne pensate e se avete dei suggerimenti da darmi. Ringrazio per la gentile risposta e complimenti per il vostro, ed ormai anche mio, forum.
« Ultima modifica: 12 Novembre 2009, 12:32:33 da gioiabella » Registrato
Peppe189
Amministratore
Nuovo arrivato
*****
Sesso: Maschio
Messaggi: 35



« Risposta #7 inserita:: 13 Novembre 2009, 08:55:03 »

In che settore lavori?

Registrato
gioiabella
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 5


« Risposta #8 inserita:: 16 Novembre 2009, 11:04:40 »

azienda privata che vende servizi ad aziende.. commercio/servizi
Registrato
Peppe189
Amministratore
Nuovo arrivato
*****
Sesso: Maschio
Messaggi: 35



« Risposta #9 inserita:: 24 Novembre 2009, 13:59:18 »

Per ogni Interrogativo, puoi chiedere al patronato INCA - CGIL che ti supporterà anche legalmente, ce ne fosse necessità, o semplicemente ti verificherà le cifre.
Registrato
gioiabella
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 5


« Risposta #10 inserita:: 24 Novembre 2009, 15:36:54 »

Grazie ma il mio messaggio forse era non era del tutto chiaro..
Piccola premessa: sono RSU ed RLS nell'azienda dove lavoro.
Ho appena terminato il corso di aggiornamento come RLS e durante il corso ho espresso le mie perplessità sui pagamenti delle retribuzioni mensili, INAIL ed aziendali, dopo gli infortuni ed ho portato il mio esempio come caso da analizzare. Il docente ha dichiarato che ho  titolarità per chiedere il rimborso ma non mi ha dato la risposta che volevo e che non mi hai dato neppure tu: questo errore è imputabile all'azienda o è prassi di tutte le aziende anticipare le mensilità senza riconoscere le differenze..??
Un saluto cordiale.
Registrato
cimi
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 1


« Risposta #11 inserita:: 18 Gennaio 2010, 20:32:46 »

Segnalo la normativa vigente in termini di rimborso INAIL in caso di infortunio sul lavoro:

Le prestazioni economiche vengono erogate dall’INAIL.
Il lavoratore infortunato o affetto da malattia professionale e, per essi, impossibilitato al lavoro, riceve alcune prestazioni dal datore di lavoro ed altre dall’INAIL.
 
Il datore di lavoro versa:
•   l’intera retribuzione per il giorno in cui si è verificato l’infortunio o si è manifestata la malattia professionale;
•   il 60% della retribuzione per i tre giorni successivi, salvo le condizioni di miglior favore fissate dai contratti collettivi;
•   l’eventuale integrazione dell’indennità temporanea erogata dall’INAIL per raggiungere il 100% della retribuzione giornaliera.

L’INAIL eroga:
•    l'indennità temporanea, a partire dal quarto giorno successivo a quello in cui si è verificato l’infortunio o si è manifestata la malattia professionale, essa è pari al 60% della retribuzione media giornaliera per i primi 90 giorni di inabilità e al 75% della stessa dal 91° giorno in poi.
L’indennità temporanea viene erogata fino a quando il lavoratore non è in grado di riprendere il lavoro e viene corrisposta, nei casi di lunga durata, in rate posticipate di non oltre sette giorni. Il saldo non deve essere erogato oltre il ventesimo giorno dalla data dell’infortunio o della cessazione dell’indennità temporanea.
Il lavoratore ha diritto all’indennità temporanea anche in caso di inabilità assoluta conseguente a ricaduta.
Numerosi contratti collettivi prevedono che il pagamento dell’indennità temporanea sia fatto direttamente dall’azienda che sarà successivamente rimborsata dall’INAIL.

Registrato
gioiabella
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 5


« Risposta #12 inserita:: 08 Febbraio 2010, 11:53:59 »

E' un vero peccato non essere capìta Triste
quello che mi necessita conoscere non sono le normative di legge, che tutti voi avete spiegato molto bene, ma se devo ricevere dall'azienda la differenza che mi spetta rispetto a quello riconosciutomi dall'INAIL e quello pagatomi in busta paga...
grazie!
Registrato
ilserver
Nuovo arrivato
*
Messaggi: 1


« Risposta #13 inserita:: 04 Marzo 2010, 22:23:35 »

Ciao a tutti, mi trovo in questa condizione: circa 3 settimane fa andando al lavoro ho avuto un incidente di cui mi è stato riconosciuto l'infortunio in itinere.

Ora non ho ben capito se per le 2 settimane in cui sono stato in ospedale ricevero' il 100% dello stipendio o meno....

C'è qualcuno che me lo sa spiegare???

Il mio contratto è al commercio.

Un grazie di cuore a tutti!
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Tempus Fugit

Meteo
Recenti
[06 Maggio 2010, 14:24:47]

[13 Aprile 2010, 10:18:33]
Ultimo 5 Shouts:
20 Novembre 2009, 14:13:16
PRESIDENTE BUONGIORNO!
22 Settembre 2008, 23:26:44
bienvenu aux ouvriers de
LA MANUFACTURE DU VERRE (GHLIN)
14 Luglio 2008, 19:55:33
siamo al rinnovo di biennio...
21 Maggio 2008, 16:53:40
Linguaccia
21 Maggio 2008, 12:45:17
Buongiorno a tutti... Sorriso
Meteo
Radio
utenti
Utenti in totale: 43
Ultimo Utente: cris01
Statistiche
Messaggi in totale: 72
Discussioni in totale: 23
Online Oggi: 2
Record Online: 34
(08 Luglio 2011, 12:03:20)
Utenti online
Utenti: 0
Visitatori: 4
Totali: 4
Collocazioni
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC | TinyPortal v0.9.8 © Bloc

midilander web solutions © 2008
XHTML 1.0 valido! CSS valido! Dilber MC Theme by HarzeM
Pagina creata in 0.094 secondi con 24 interrogazioni al database.